Angelo della Gioia discendi sulla Terra, portando bellezza a tutti i Figli di Madre Terra e del Padre Celeste!

E dopo la pioggia andate nei prati a ringraziare Madre Terra per il profumo dei fiori, perché essi hanno lo scopo di portare gioia al cuore del Figlio dell’uomo.

Ascoltate con nuovi orecchi il canto degli uccelli e guardate con nuovi occhi i colori del sole all’alba a al tramonto.

Così saprete che nessuno può avvicinarsi al Padre Celeste se l’Angelo della Gioia non lo lascia passare, perché con gioia fu creata la Terra e con Gioia Madre Terra e il Padre Celeste generarono il Figlio dell’uomo.

 

   Angelo della Vita eterna discendi su di me e dai vita eterna al mio spirito!

E nel sonno contemplate l’unità di tutta la vita di ogni luogo.

Perchè in verità di giorno i vostri piedi poggiano a Terra e non hanno ali per volare, ma il vostro spirito non è vincolato alla Terra e durante la notte trascendete i vostri legami terreni per ricongiungervi a ciò che è eterno.

Perchè il Figlio dell’uomo non è solo ciò che sembra e solo con gli occhi dello spirito potrete vedere quei fili d’oro che vi legano a tutta la vita di ogni luogo.

 

               Angelo del Potere discendi su di me e riempi di potere tutte le mie azioni!

Vi dico, in verità, che come non c’è vita sulla Terra senza il Sole, così non vi è vita dello Spirito senza l’Angelo del Potere.

In sua assenza i vostri pensieri e i vostri sentimenti sarebbero come scritture morte.

Ma i Figli della Luce non solo penseranno, non solo sentiranno, ma sapranno anche agire e le loro azioni saranno la realizzazione dei loro pensieri e dei loro sentimenti, come il frutto dorato dell’estate dà compimento alle gemme verdi    della primavera.

 

    Angelo dell’Amore, discendi su di me e riempi d’Amore tutti i miei sentimenti!

Perché è per mezzo dell’Amore che il Padre Celeste, Madre Terra e il Figlio dell’uomo diventano UNO. L’Amore è eterno.

L’Amore è più forte della morte. E il Figlio della Luce dovrebbe bagnarsi ogni notte nelle acque sante dell’Angelo dell’Amore affinchè, al mattino, egli possa poi battezzare i Figli degli uomini con gesti e parole gentili.

Perché, quando il cuore del Figlio della Luce di si immerge nell’Amore, allora ne scaturiscono solo parole nobili e gentili.

 

 

E queste comunioni con gli Angeli sono date ai Figli della Luce affinchè, con i corpi purificati da Madre Terra e gli spiriti purificati dal Padre Celeste, essi possano servire gli Angeli secondo l’ordine stabilito: all’arrivo dell Luce, al suo deflusso serale, per tutte le generazioni del tempo.
Siano benedetti tutti i Figli della Luce che hanno affidato la loro sorte alla Legge e che procedono fedelmente in tutte le loro vie.
Possa la Legge benedirli con ogni bene e proteggerli da ogni male, possa illuminare i loro cuori con la comprensione profonda delle cose della vita e possa gratificarli con la conoscenza delle cose eterne.

Alcune delle invocazioni che Gesù insegnò ai Figli della Luce da recitare quotidianamente per richiamare il potere di Madre Terra e la gloria del Padre Celeste (tratto dalle Comunioni del “Vangelo Esseno della Pace” scritto da Edmond Bordeaux Szekely nel 1928).

Rispondi