Cromoterapia

cromoterapia-1

Cos’è la Cromoterapia?

Il colore è luce, la luce è energia: il colore è energia!
Noi, se pur inconsapevolmente, ci serviamo sempre della cromoterapia, basta pensare alle volte che scegliamo un abito con un colore particolare perché “proprio quello ci fa star bene” o quando per sentirci bene, facciamo una passeggiata nel verde di un bosco o tra l’azzurro del cielo e del mare…in un certo senso, anche in quelle scelte, c’è in atto l’azione della luce e del colore.
La cromoterapia ha origini antichissime, poiché le medicine tradizionali dei vari popoli hanno sempre attribuito grande importanza all’influenza dei colori sulla salute e sullo stato d’animo dell’uomo.

Gli Egiziani credevano, ad esempio, che il blu, il giallo e il rosso fossero energie capaci di influenzare rispettivamente la mente, il fisico e lo spirito dell’uomo.
In India, la medicina ayurvedica ha sempre tenuto conto di come i colori influenzano l’equilibrio dei chakra, i centri di energia sottile che vengono associati alle principali ghiandole del corpo;
I Greci associavano i colori agli elementi fondamentali (aria, fuoco, acqua e terra) e questi ai quattro “umori” o “fluidi del corpo”: la bile gialla, il sangue (rosso), il flegma (bianco) e la bile nera, a loro volta prodotti in quattro organi particolari (la milza, il cuore, il fegato e il cervello). La salute era considerata risultante dell’equilibrio di questi elementi, mentre la malattia ne era lo sbilanciamento. I colori, così come erano associati agli umori, venivano anche utilizzati come trattamento contro le malattie.

cromoterapia

In Cina, addirittura, le finestre della camera del paziente venivano coperte con teli di colore adeguato e gli indumenti del malato dovevano essere della stessa tinta (es. il giallo per curare l’intestino, il violetto contro gli attacchi epilettici).
La Luce del Sole è la più potente medicina che la natura abbia messo, gratuitamente, a disposizione dell’uomo: senza Luce non esiste Vita, i raggi solari sono i regolatori dei vari bioritmi del corpo umano (sonno-veglia, calore-freddo etc).
La Luce è anche colore, infatti se prendiamo un prisma e lo interponiamo fra una raggio di luce solare ed un piano riflettente bianco, vedremo scomporsi la luce solare nei colori fondamentali: Rosso, Giallo, Blu. Le scoperte di Einstein sulla scomposizione della luce e sui fasci di energia hanno confermato la teoria cromoterapica.

La cromoterapia ha infatti delle solide basi scientifiche.
Le vibrazioni dei colori hanno un’azione riequilibrante sul metabolismo cellulare.
E’ stato dimostrato da esami di laboratorio che le cellule, in condizione di salute, emettono una certa luce colorata, che varia a seconda del tessuto al quale appartengono.
Se le cellule di un certo tessuto si “ammalano”, ossia smettono di funzionare in modo ottimale, la loro emissione cromatica cambia ed influenza in tal senso tutte le cellule vicine.
Applicando il colore appropriato, in base alla legge fisica della risonanza è possibile riportare il sistema alla sua originaria condizione di equilibrio.

Disturbi fisici, emozionali o mentali si manifestano come alterazioni del nostro corpo energetico.
Ciascun organo del nostro corpo emette una lunghezza d’onda propria, la cromoterapia utilizza l’energia delle onde elettromagnetiche della luce che, all’interno di una precisa lunghezza d’onda, penetra nei tessuti creando le condizioni per interagire con le cellule, ripristinando l’equilibrio elettrico e chimico dell’omeostasi cellulare con un miglioramento delle funzioni biologiche, ottenendo un potente impatto sullo stress e la malattia.

cromo2

Cromopuntura
Per la terapia viene utilizzata una penna ottica composta da un corpo per la presa manuale, con una luce interna e da 7 punte rimovibili in cristallo di quarzo trasparente che riflettono i colori.
Con questo metodo si possono bilanciare i chakra e le energie dei meridiani di agopuntura equilibrando così le energie yin/yang del corpo e la circolazione energetica nei suoi percorsi discendenti e ascendenti.

Psicologia del colore
Uno studio approfondito del simbolismo psicologico del colore è stato eseguito dallo psicologo svizzero Max Lüscher ed è attinente alla Teoria dei colori di Johann Wolfgang von Goethe.
I colori dipingono la nostra vita quotidiana, accendono i sensi, la fantasia, l’immaginazione, creano emozioni.
I colori ci permettono di raggiungere le emozioni, perche’ i colori sono emozioni dirette.
Bastera’ comprendere il linguaggio dei colori per poter penetrare nella realta’ emozionale della persona: la formazione del sintomo psicosomatico avviene a un livello inconscio ed emozionale radicalmente estraneo al linguaggio razionale fatto di parole, i colori parlano un linguaggio fatto di sensazioni ed emozioni e si sono rivelati un mezzo adatto a raggiungere i livelli inconsci della persona (Test dei colori di Max Luscher).

cromoterapia2